Yoga e rilassamento

Vrkshasana149 copiaasana

Il rilassamento è un elemento fondante dello yoga, è la ricerca di una nuova consapevolezza del corpo e delle sue interazioni con la mente e le emozioni.

Rilassarsi non significa essere flosci, ma piuttosto allentare le tensioni, perlopiù inconsce, accumulate nel corpo e nella mente durante la vita.

Non siamo stati educati ad essere in connessione con l’intelligenza del corpo e con le sue reali esigenze; la nostra modalità abituale di azione è quella di applicare un eccesso di forza che annulla la naturalezza dei movimenti e il piacere del fare. Questo modo di agire crea tensioni che si somatizzano nel corpo concentrandosi prevalentemente in alcuni punti critici.

Quando osserviamo il corpo praticando le asana, possiamo imparare a mantenere la mente vigile e il corpo integro nella forma, attraverso l’educazione ad uno “sforzo” che abbia la qualità insita del rilassamento, privo della sensazione di resistenza interna.

Attraverso l’espirazione completa sperimentiamo la capacità di lasciarci andare, di rilasciare le tensioni e di renderci ricettivi alla forza di gravità; ci radichiamo così con i piedi alla terra diventando pesanti nella parte inferiore del corpo e leggeri in quella superiore, alla ricerca di un riequilibrio delle forze tra terra e cielo, tra interno ed esterno, che rende il corpo rilassato e tonico e la mente vigile.

Con la pratica regolare impariamo gradualmente a integrare i principi di gravità, respiro e rilassamento, a eseguire le asana in modo più morbido e “rotondo”, a mantenere una connessione più stabile con il nostro centro e a percepire un sempre maggior senso di unità.

L’effetto di questa pratica si estende anche a ogni momento della vita quotidiana, rendendo i nostri movimenti più efficaci, armonici ed espressivi.

Post che trattano argomenti simili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *